UN PASSO AVANTI… VERSO IL MERCATO LIBERO

Arera: “Oltre il 50% dei clienti sul libero, ora prepararsi al fine tutela” Poletti commenta i primi dati del monitoraggio retail 2019: “Tassi switching intorno al 20% anche in alcune aree del centro-sud, oltre 1.000 offerte ma c’è il Portale. Sfruttiamo al meglio il tempo che resta alla scadenza” Nel 2019 la percentuale di clienti elettrici domestici sul mercato libero ha superato il 50%. Ma la strada per arrivare preparati al fine tutela del 1° gennaio 2022 è ancora lunga. “Abbiamo tempo per prepararci, sfruttiamolo al meglio per capire e informarci”, ha commentato la componente del Collegio Arera, Clara Poletti, intervenendo alla trasmissione “Sportello Italia” di Rai Radio 1. L’occasione è la pubblicazione sul sito dell’Autorità dei primi esiti del Monitoraggio retail 2019. “La quota dei consumatori sul libero è mediamente sopra il 50% – ha sottolineato – ma in alcune aree raggiunge quasi il 70% (a Terni era il 68,3% a dicembre, ndr)”. Da questo punto di vista, ha aggiunto Poletti, il centro-sud del Paese sta recuperando terreno: “ad esempio, a Pescara, Isernia e Trapani si registrano tassi di switching intorno al 20%”. Resta “molto elevato” il numero degli operatori (“circa 600”) così come quello delle offerte (“oltre 1.000”). Ma per supportare il consumatore nella scelta, ha ricordato l’esponente Arera “c’è il Portale Offerte”. Per quanto riguarda poi la comprensibilità della bolletta, Poletti ha ricordato che “nel primo foglio ci sono tutti gli elementi essenziali” ma il cliente può consultare la guida alla lettura sul sito dell’Autorità e “ha inoltre diritto a chiedere tutte le informazioni di dettaglio”.

Dal Quotidiano Energia del 13 luglio 2020